MARCHIO_WEB_NAPOLINELCINEMA
19/04/2018, 10:27

malamenti,francesco di leva,ciro petrone,nastri argento,corti del futuro,sergio rubini,nicola di pinto



MALAMENTI-di-Francesco-Di-Leva-vince-il-premio-"Corti-del-futuro---Nastri-d’Argento-2018"


 L’opera prima dell’attore Francesco Di Leva, pluripremiata nel 2017, vince il premio "Corti del futuro - Nastri d’Argento 2018"




​MaLaMèNTI, ​ ​l’opera prima di e con Francesco Di Leva​,​ ​dopo i numerosi riconoscimenti ricevuti nel 2017, ​ha vinto il premio Corti del futuro Nastri d’Argento 2018​ consegnato alla Casa del Cinema di Roma. ​


Già vincitore del premio come​ ​"Miglior film del Mediterraneo" al XV International Journalism & Art Award 2017 consegnato dall’Unione Nazionale Cronisti Italiani​, "Miglior cortometraggio 2017" al Galà del Cinema e della Fiction in Campania​, ​selezionato al 19esimo Napoli Film Festival - Schermo Napoli Corti​, ​vincitore del Premio Cinema Campania 2017​, ​ha ricevuto una menzione speciale della critica all’ASTI film festival 2017​ ed è stato​ selezionato al Trieste Film Festival 29​.


Oggi il cortometraggio ​cattura ancora​ l’attenzione dei Giornalisti Cinematografici Sngci per i Nastri d’Argento ​2018 guadagna​ndo​ un nuovo Premio dei Nastri d’Argento, dall’etichetta significativa​ "​Corti del futuro​"​​ per innovazione e ricerca nel linguaggio​​. ​


Francesco Di Leva dopo essere stato premiato ha dichiarato:

"Siamo felici di ricevere questo premio alla sua prima edizione, dedicato all’innovazione del linguaggio filmico, per un corto come MALAMENTI, che é nato proprio dalla possibilità di sperimentare.


Questo riconoscimento da parte del sindacato dimostra, ancora una volta, quanto un’idea vincente possa trovare sostegno e gratificazioni, anche con pochi mezzi a disposizione. Inoltre sono davvero felice di proseguire, con il mio piccolo film, nell’ascesa del cinema napoletano che si sta vivendo negli ultimi tempi".


MaLaMèNTI

Ciccio "O’ Pazz" e Ciruzzo "Pesce Bello" sono due sanguinari assassini che esercitano violenza sui più deboli. In un clima di dominio tra miserabili, nuovi nemici apparentemente innocui sembrano farsi spazio. Spinta dall’alienazione del luogo, la coppia di malavitosi sviluppa una paranoia anche nei confronti di due animali inermi: Severino l’asinello e Piero il cinghiale. La resa dei​ ​conti è vicina.


Francesco Di leva sul corto

Cos’è la sete di potere? Un cruccio o un istinto della natura umana? Cosa possono arrivare a fare due criminali ossessionati dalla smania di prevaricazione e dalla paura di non essere i più forti, nel momento in cui hanno sconfitto tutti gli altri esseri del mondo? Vincere sempre ad ogni condizione fino a non avere più battaglie da combattere.


Partendo da questo concetto ho voluto  raccontare la criminalità con ironia ispirandomi al mondo dei fumetti, attraverso una favola rock nera, un mondo disegnato per esasperare il concetto di onnipotenza e assurdità e per generare curiosità ed empatia nello spettatore. Spesso il realismo delle immagini video così nitide e di qualità ci disarma, a differenza del cartone animato che istintivamente genera desiderio di conoscere.



1
SOCIAL1SOCIAL2
facebook-64
twitter-64
Create a website