MARCHIO_WEB_NAPOLINELCINEMA
06/09/2017, 10:14

gatta cenerentola,giambattista basile,napoli,mad entertainment,dario sansone,alessandro rak,ivan cappiello,marino guarnieri,napoli nel cinema,massimiliano gallo,maria pia calzone,alessandro gassmann,anna trieste,renato carpentieri,enzo gragnaniello



GATTA-CENERENTOLA---una-favola-contemporanea-ed-eterna-con-forti-radici-nella-tradizione-


 Il cartoon applaudito alla Mostra di Venezia arriva nei cinema il 14 settembre




Nella sezione "Orizzonti" della 74a Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia è stato presentato in concorso GATTA CENERENTOLA, secondo lungometraggio d’animazione della factory napoletana Mad Entertainment, ricevendo applausi e complimenti da critica e pubblico.


A 4 anni di distanza da "L’Arte della Felicità", vera e propria gemma del cinema d’animazione che si aggiudicò l’European Film Award, la Mad ha dato vita ad una favola che si ispira al racconto di Giambattista Basile del 1600 da cui nacque il mito di Cenerentola tramandato di generazione in generazione in versioni diverse, tra cui la meravigliosa trasposizione teatrale di Roberto De Simone.


Il film diretto da Alessandro Rak, Ivan Cappiello, Dario Sansone, Marino Guarnieri è una rivisitazione in chiave moderna della favola: la loro storia si ispira a Basile, e lo omaggia, allontanandosi da quella narrazione per farne una rilettura innovativa a cominciare dall’ambientazione futuristica, ma con emblematici tocchi retrò, all’ombra del Vesuvio al ritratto psicofisico dei personaggi disegnati grazie alla magnifica interpretazione, non solo "vocale", del cast.


GATTA CENERENTOLA è un capolavoro di creatività e genialità: creativi, tecnici, artisti partenopei dell’animazione, della recitazione, della musica sono stati coinvolti per dare vita ad un’opera unica nel suo genere, a partire dalla trama.



Cenerentola è cresciuta all’interno della Megaride, un’enorme nave ferma nel porto di Napoli da più di 15 anni.

Suo padre, ricco armatore della nave e scienziato, é morto portando con sé nella tomba i segreti tecnologici della nave e il sogno di una rinascita del porto.

La piccola vive da allora all’ombra della terribile matrigna e delle sue perfide sei figlie.


La città versa ora nel degrado e affida le sue residue speranze a Salvatore Lo Giusto, detto ’O Re, un ambizioso trafficante di droga che, d’accordo con la matrigna, sfrutta l’eredità dell’ignara Cenerentola per fare del porto di Napoli una capitale del riciclaggio.


La nave, infestata dai fantasmi-ologrammi di una tecnologia e di una storia dimenticate, sarà il teatro dell’intera vicenda e metterà in scena lo scontro epocale tra la miseria delle ambizioni del presente e la nobiltà degli ideali del passato.


Il futuro della piccola Cenerentola e della povera città di Napoli sono legati a uno stesso, sottilissimo, filo.


 

I registi parlano di GATTA CENERENTOLA


ALESSANDRO RAK

Un ritorno al futuro. Questo ci proponiamo di offrire allo spettatore con il secondo film d’animazione realizzato dal team de L’Arte della Felicità. 


Per farlo abbiamo deciso di ripartire dalla nostra città: Napoli. Ma questa volta il teatro della vicenda è un’avveniristica, mastodontica nave ancorata nel porto.

La storia è divisa in due atti: l’età della luce e una della cenere. Passato e presente, favola e realtà, che grazie al prodigio di una tecnologia ormai in disuso, si trovano ad abitare lo stesso luogo.


La nobiltà degli ideali del passato contro la miseria delle ambizioni del presente in una battaglia che deciderà il futuro del porto , della città e della nostra Cenerentola.


IVAN CAPPIELLO

La celeberrima favola di Cenerentola, tramandata oralmente da un continente all’altro, mutando di generazione in generazione, adattandosi a tempi e luoghi, trova la sua prima edizione letteraria a Napoli, nel 1600 circa.


Ispirandoci a questa originale e spietata versione partenopea, abbiamo deciso di raccontare la nostra Gatta Cenerentola: una favola dalle tinte noir in cui gli archetipi fiabeschi sono adattati a una modernità dipinta in tutti i suoi eccessi.


Ed ecco che, in un futuro dal gusto retrò, una fantascientifica tecnologia si sostituisce al tradizionale senso del magico. Al mito del matrimonio come valore si oppone quello del bieco interesse. Al re che organizza la grande festa si sostituisce un boss della malavita.


La sua reggia diventa una vecchia nave da crociera semiaffondata nella putrescenza di un porto dimenticato, sul quale cade e si posa, incessante, la cenere di un indomito Vesuvio.


E’ in questo universo, memore di un glorioso passato, affondato in un oscuro presente, e alla ricerca di un futuro possibile che, ancora una volta, la favola di Cenerentola prenderà forma.


MARINO GUARNIERI

Dall’avventura de L’Arte della Felicità siamo cresciuti molto, sia tecnicamente che artisticamente, individualmente e come gruppo di lavoro. Oltre al nostro collettivo di registi, il team è composto da talenti che hanno contribuito a far crescere MAD fino ad oggi, e ci hanno accompagnato in tutto il viaggio che ci ha portati a raccontare la storia della nostra Cenerentola.


Creativi, tecnici, artisti sono stati coinvolti nella creazione e realizzazione della Napoli che rappresentiamo nel film. Grazie alle competenze di ognuno siamo riusciti a creare delle procedure non proprio convenzionali, ma perfettamente aderenti ai nostri mezzi e che ci hanno permesso di esplorare soluzioni stilistiche sempre al servizio della storia.


Immagino che il vero tesoro che siamo riusciti a trovare sia proprio il rapporto che si è instaurato tra tutti i membri di quella che ad oggi si può definire sia artisticamente che produttivamente una famiglia allargata.

In questo caso non é banale usare il detto "squadra che vince non si cambia".


DARIO SANSONE

Il nostro progetto propone una rilettura innovativa della favola di Cenerentola, a partire dall’ambientazione: una Napoli futuristica quanto improbabile. Abbiamo provato, e forse questa è stata la sfida più stimolante, a dare una nuova veste a una favola impressa nell’immaginario collettivo.


La nostra Gatta Cenerentola ha, inoltre, una colonna sonora inedita che si avvale dei talenti napoletani che raccontano oggi questa città. Abbiamo lavorato nel segno del rinnovamento della tradizione, partendo dai toni cruenti del racconto di Basile, con l’intento di recuperare la nobiltà della cultura del nostro passato.


Mad e Skydancers - i produttori e GATTA CENERENTOLA

Gatta Cenerentola è frutto di un lungo, entusiasmante viaggio di un gruppo di artisti, animatori, disegnatori, musicisti e produttori che si sono conosciuti durante il lavoro de L’Arte della Felicità, il film in animazione vincitore degli European Fim Award nel 2014. 


Si sono conosciuti e non si sono lasciati. Hanno deciso di continuare a viaggiare insieme. Hanno dato vita a un luogo nel cuore di Napoli, hanno costruito e vivificato uno studio fatto di Anime e Talenti. E ora, quattro anni dopo, c’è Gatta Cenerentola: forti radici nella tradizione delle favole orali della nostra terra e alti rami poetici, visivi e narrativi.


 Due anni e mezzo di lavoro insieme, come una comunità libera e creativa, operosa e solidale, artistica e produttiva. Un lungo viaggio la cui mappa parte dalla Campania, dal 1600, dal Racconto dei Racconti di Giambattista Basile e sfocia in un mondo di relazioni e riscatti, di ferocia e di amore, di criminalità e candore che fa di Gatta Cenerentola una favola contemporanea ed eterna. 


Gatta Cenerentola siamo noi: pronti a innamorarci dei sogni, pronti a combattere per la loro realizzazione, pronti a commuoverci per l’amore, per l’amicizia e per l’arte.


CAST TECNICO

Regia: Alessandro Rak, Dario Sansone, Ivan Cappiello, Marino Guarnieri Scenografie: Barbara Ciardo, Annarita Calligaris, Antonia Emanuela Angrisani Animazioni: Laura Sammati, Ivana Verze, Danilo Florio 

3D - CGI: Corrado Piscitelli, Davide Maimone, Mattia Florio, Italo Scialdone 

Musiche originali: Antonio Fresa e Luigi Scialdone

prodotte ed edite da Ala Bianca group 

con le canzoni di: Guappecartò, Francesco Di Bella, I Virtuosi di San Martino, Enzo Gragnaniello, Foja, Daniele Sepe, Marlboro Recording Society, Ilaria Graziano e Francesco Forni

 

CAST ARTISTICO - gli attori che danno la voce ai personaggi di GATTA CENERENTOLA

Salvatore Lo Giusto / Massimiliano Gallo 

Angelica Carannante / Maria Pia Calzone 

Primo Gemito / Alessandro Gassmann 

Vittorio Basile / Mariano Rigillo 

Commissario / Renato Carpentieri 

Luigi / Ciro Priello 

Anna / Federica Altamura 

Barbara / Chiara Baffi 

Carmen & Luisa / Francesca Romana Bergamo

 Sofia / Anna Trieste 

James / Gino Fastidio

 Sciamano / Enzo Gragnaniello 

Cinegiornale / Marco Mario de Notaris



1
SOCIAL1SOCIAL2
facebook-64
twitter-64
Create a website