MARCHIO_WEB_NAPOLINELCINEMA
29/08/2017, 18:36

the stranger,salvatore ruocco, migranti,razzismo



THE-STRANGER----gli-occhi-degli-immigrati-nel-corto-di-Salvatore-Ruocco--


 L’esordio alla regia dell’attore napoletano è una "docu-riflessione" sulla discriminazione e il razzismo



L’attore partenopeo Salvatore Ruocco (Take Five - Là bas - Napoli Napoli Napoli - L’intervallo - Gorbaciof - Pasolini) ha esordito alla regia girando un docu-corto dal titolo THE STRANGER, prendendo spunto da un incontro con uno dei tanti ragazzi immigrati che ci sono in Italia. Purtroppo, uno dei tanti vittima di atti di razzismo, di discriminazione; il suo nome è Ameth Ba che riempie con il suo volto l’obiettivo, rivelandoci che è soprattutto un uomo, una persona debole e fragile, ai margini. 


Parlando di THE STRANGER Salvatore Ruocco dice: "La mia sfida era esattamente questa: andare dritto all’anima di un uomo. Scavalcare il colore della sua pelle, la sua nazionalità. Mettere a nudo il suo quotidiano vivere avendo una comunità contro...solo perché straniero, immigrato. 


E ricordare a tutti che anche gli italiani hanno lasciato la loro terra ed hanno affrontato viaggi disperati e lunghissimi per arrivare in America, Australia, Argentina pieni di sogni e speranze. The Stranger si snoda attraverso questi due punti di vista. 

La scelta di girarlo con un Iphone (HD) è anche dipesa dal voler rendere tutto più reale e vicino a noi, marcando la differenza che ci deve essere tra immigrazione e razzismo. (per questo non ho voluto mezzi eccessivi) 


Un docu-corto basato su una riflessione lampante: basterebbe guardare i migranti negli occhi, come io ho fatto, con più umanità e solidarietà."



1
SOCIAL1SOCIAL2
facebook-64
twitter-64
Create a website