MARCHIO_WEB_NAPOLINELCINEMA
04/08/2016, 22:10

clercc,legge cinema campania,regione campania,napoli,cinema



La-Legge-sul-Cinema-per-la-Campania-inizia-il-suo-iter-al-Consiglio-Regionale


 Il CLERCC esprime soddisfazione per il risultato e si prepara a fornire ulteriore contributo durante l’iter consultivo della legge





Una proposta di Legge sul Cinema in Campania è stata pubblicata sul portale della Regione Campania. Per la prima volta, mentre altre Regioni già da tempo si erano dotate di questo strumento, un testo di legge sul comparto è stato incardinato ai lavori del Consiglio Regionale, dando avvio all’iter di analisi e discussione che si concluderà con la sua emanazione. Il comitato CLERCC, nato proprio con l’intento di far approvare una legge per il cinema in Campania, esprime la propria soddisfazione per l’inizio di questo percorso, di cui, con le azioni e le interlocuzioni di questi dieci mesi, è stato, di fatto, promotore. 


L’incontro dello scorso 28 giugno, durante il quale i portavoce di CLERCC hanno discusso dell’anomala situazione campana con il presidente De Luca, ha evidentemente accelerato questo processo, evidenziando la necessità e l’urgenza, manifestata a dire il vero anche dalla giunta, di "attribuire al Cinema e all’Audiovisivo un ruolo di primaria importanza, dotandosi di una legge che affronti tutti gli aspetti del settore cinematografico e audiovisivo mettendo a sistema le risorse attraverso un meccanismo chiaro e trasparente di regole. Uno strumento che avrà il compito di riordinare il comparto e d’integrare, in maniera organica e secondo un unico disegno di sviluppo, le diverse filiere esistenti".


Proprio queste parole - che sono alla base del documento programmatico di CLERCC elaborato lo scorso novembre e firmato da trecentocinquanta operatori, che la Regione ha considerato un position paper - sono citate anche nella relazione allegata alla proposta di legge.


Il Comitato si dichiara fin d’ora disponibile a seguire l’iter istituzionale che il testo avrà nei lavori delle commissioni competenti e all’interno del consiglio. Auspichiamo quindi che nel corso di questi passaggi le decisioni si accompagnino alle riflessioni necessarie affinché questa occasione - storica, per la Campania -  venga sfruttata fino in fondo e sia la base per rappresentare, in un dialogo con il comparto nelle sue soggettività culturali, scientifiche, professionali e produttive, lo straordinario patrimonio di talenti di questa regione e la sua specifica identità.


Siamo certi che con queste premesse e lavorando per il completamento e la maggiore definizione di alcuni aspetti della legge, la normativa potrà collocarsi tra le esperienze più avanzate a livello nazionale ed essere strumento di ulteriore impulso e rafforzamento del comparto.


*          *         *

Dichiarazione dei portavoce: Antonella Di Nocera, Antonio Borrelli e Peppe Colella 

«Il riconoscimento del percorso del Comitato, come gruppo che lavora insieme con una finalità condivisa, è di certo parte del risultato raggiunto, ma è anche  l’inizio di un nuovo impegno, ora, per avere un testo di legge condiviso dalla politica che sia uno strumento utile e soddisfacente.


Siamo fiduciosi che questa azione serva per il futuro del cinema di questa Regione e che insieme ai bandi per le attività del comparto, che pure si attendono,  si consolideranno opportunità per i giovani, e il nostro impegno avrà avuto un senso».


Breve storia del Comitato per una Legge sul Cinema in Campania


Dopo un impegno iniziato a settembre 2015, di coinvolgimento ed elaborazione da parte dei promotori Antonella Di Nocera, Antonio Borrelli e Peppe Colella, il Comitato si è costituito lo scorso marzo, con una assemblea pubblica degli operatori e professionisti del cinema in Campania. L’assemblea aveva la prerogativa di unire diverse anime del settore, della formazione, della promozione e della produzione.


Uno dei punti di forza è stato la ferma volontà di mantenere connessi i diversi ambiti del cinema che sono espressi anche nel gruppo di coordinamento eletto dall’assemblea: oltre ai promotori ne fanno parte Maurizio Gemma, Ilaria Stefanini, Davide Mastropaolo, Eduardo Ronca, Massimiliano Pacifico, Fabiana Sera, Arturo Lando, Luigi Scaglione, Raffaele Esposito.


Dopo il documento fondativo Clercc, sottoscritto da trecentocinquanta professionisti, il comitato ha promosso una petizione su Change che è stata firmata da quasi duemilacinquecento persone (tra cui attori e registi di fama nazionale e internazionale, a cominciare da Paolo Sorrentino e Toni Servillo).


Con l’evento RUSHES del 29 giugno scorso, il comitato ha promosso  una festa del cinema campano per valorizzare le opere in preparazione prodotte sul territorio: tra gli altri presenti Edoardo De Angelis, Gaetano di Vaio, Renato Carpentieri, Angelo Curti.


TESTO DI LEGGE SUL CINEMA IN REGIONE CAMPANIA



1
SOCIAL1SOCIAL2
facebook-64
twitter-64
Create a website