MARCHIO_WEB_NAPOLINELCINEMA
13/04/2015, 12:48

todo modo,elio petri,gian maria volontč



TODO-MODO-di-Elio-Petri-nei-cinema-campani-dal-13-al-17-aprile


 Il film maledetto ed introvabile che predisse il delitto Moro, tratto dal romanzo di Sciascia, torna nei cinema nella versione restaurata dalla Cineteca di Bologna



TODO MODO è un film del 1976 che Elio Petri girò grazie all’ispirazione geniale tratta dal romanzo omonimo di Leonardo Sciascia. Alla proiezione nelle sale (durata meno di un mese a causa del sequestro cui fu sottoposto), il film fu accolto con freddezza. Criptico e lento nella struttura, fu molto criticato dalla classe politica democristiana e snobbato dai comunisti (era il periodo del compromesso storico: Petri affermò che "in pubblico i comunisti lo criticavano ma in privato gli confidavano che piaceva"), tanto che segnò il decadimento della corrente del "cinema politico" italiano e la fine del connubio Petri-Volontè.

La Warner Communications decise inoltre di non far uscire il film negli Stati Uniti, anche se in precedenza la coppia Petri-Senatore(produttore) aveva realizzato un buon successo con Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto, vincendo anche un Oscar.

Dopo l’uccisione di Aldo Moro, che nel film era interpretato, anche se non in maniera esplicita, da Gian Maria Volonté, TODO MODO divenne un serio problema politico, cosa che di fatto ne decretò la sparizione dalle sale.

Un film invisibile, che rappresenta un preciso atto di accusa, tristemente profetica, sul disfacimento della classe politica, la dissoluzione dei valori portanti della società civile e la corruzione della Chiesa, che Mastroianni rappresenta magistralmente nel ruolo dell’oscuro Don Gaetano.

Come ha scritto lo stesso Sciascia "Todo modo è un film pasoliniano: nel senso che quel processo che Pasolini voleva fare, e non poté fare, alla classe dirigente DC, lo ha fatto oggi Petri. Ed è un processo che suona come un’esecuzione". Nel 2014 il film è stato restaurato, grazie all’opera della Cineteca di Bologna e del Museo Nazionale del Cinema di Torino e proiettato alla Mostra del Cinema di Venezia il 2 ed il 3 settembre dello stesso anno. Ora torna nelle sale grazie a IL CINEMA RITROVATO come un vero e proprio evento per uno dei grandi capolavori della cinematografia italiana.

TRAMA

Mentre nel paese infuria una tremenda epidemia che provoca innumerevoli vittime, un centinaio di notabili del partito che da 30 anni governa l’Italia si riuniscono in un albergo-convento con la scusa di partecipare ad un corso di esercizi spirituali condotto da un severo gesuita, Don Gaetano. In realtà il vero scopo della riunione è quello di concordare una nuova spartizione del potere.

L’atmosfera è ben presto funestata da strani eventi: un furto sacrilego induce un cardinale, indignato, a lasciare l’albergo; cominciano a volare parole grosse, scoppiano risse, compare anche un morto, e nei giorni successivi i cadaveri si moltiplicano. Tra i notabili, tra i quali spicca l’uomo che tutti chiamano il "Presidente", comincia a serpeggiare il terrore: chi sarà l’assassino?

TODO MODO nei cinema della Campania

13 Aprile MULTICINEMA MODERNISSIMO NAPOLI ore 18:30 -21:30

14 Aprile HAPPY MAXI CINEMA AFRAGOLA ore 20:40

14 Aprile BIG MULTICINEMA MARCIANISE (CE)

15 e 17 Aprile CINEMA AMBASCIATORI NAPOLI



1
SOCIAL1SOCIAL2
facebook-64
twitter-64
Create a website